millepiani3

Millepiani / project


millepiani_logo

Il progetto Millepiani

Millepiani è un progetto presentato nel luglio 2012 all’Assessorato al Lavoro della Provincia di Roma e all’allora presidente Nicola Zingaretti. La genesi del progetto è il frutto di un clima culturale e di impegno politico perorato dalle nuove figure partorite dal terziario avanzato: free lance, partite iva, professionisti indipendenti. Figure senza tutele, diritti, non rappresentate dai sindacati, e tantomeno dalle associazioni professionali. Né imprenditori né lavoratori subordinati, vivono le problematiche di entrambi, in completa solitudine, vessati dalla cartelle esattoriali, obbligati a versamenti previdenziali per una pensione che non vedranno mai… In una Roma in piena crisi economica, in cui i tradizionali attori dello sviluppo imprenditoriale si rifugiano nelle rendite o semplicemente chiudono le saracinesche, nascono esperienze innovative che indicano un’altra via di sviluppo sostenibile e un’altra idea di città: il Teatro Valle occupato, i primi coworking, fablab, il movimento del Quinto Stato.

Da spazio condiviso a bene comune

In uno spazio pubblico deve essere attivato un progetto pubblico, declinato però su una nuova idea di pubblico, il Bene Comune. E così Millepiani si apre, al territorio, alle nuove start up, alle associazioni, alle reti territoriali e cittadine. In breve tempo si riorganizza tutto: 80 presenze al giorno, 30 imprese attive nello spazio, barcamp, hackathon, codesign jam, programmi di accelerazione per le start up, progetti di inserimento lavorativo per rifugiati, movimenti per i beni comuni. ISFOL redige una ricerca sulle nuove modalità lavorative, con al centro l’esperienza Millepiani, così anche l’Università dell’Aquila e di Tor Vergata. Si attivano collaborazioni con CNA, la Camera di Commercio, Porta Futuro, il programma regionale Torno Subito e Garanzia Giovani.
Si è costruito un ecosistema collaborativo.

Di più

Ormai a Millepiani sono attive tante imprese, alcune di “eccellenza”, altre che iniziano… Ora è il tempo che si cambi il concetto di impresa. All’interno del coworking e nella rete di rapporti esterni che sono stati costruiti, le aziende trovano fornitori, collaboratori, mentors, progettazione, fundraising, relazioni con stakeholder istituzionali e commerciali. Le imprese crescono, e rimangono, perché sono protette dall’ecosistema.